Tutti all’Università?

400 fra bambini della scuola materna e primaria (femmine e maschietti) e adolescenti (ragazzi e ragazze) della scuola superiore sono un bell’impegno.

L’impegno è di tirarli fuori da una condizione di subalternità data dalla scarsa scolarità (ricordate Don Lorenzo Milani? “Il possesso della parola come strumento di libertà … Perché è solo la lingua che fa eguali. Eguale è chi sa esprimersi e intende l’espressione altrui.”. 

Poi ci sarà anche chi andrà all’Università, intanto occorre far in modo che il maggior numero possibile di ragazzi e ragazze si avvii sulla strada de saper capire, del saper parlare, del sapersi fare intendere per ciò che vuol esprimere.

E, peraltro, ormai sono un discreto numero gli ex allievi della St. Theresa Vocational Secondary school che hanno raggiunto la laurea.

Ma il premio migliore è rappresentato dai suoi allievi che si fanno largo nella vita: nel lavoro e nella carriera scolastica, compresi i neo laureati. 

Di questi ultimi, eccone una, Maimuna Namugerwa nel giorno della laurea. Ora lei è già al lavoro in una grande società a Kampala, la capitale.

Molti di più sono quelli che, finito il ciclo delle superiori, hanno scelto di andare subito a lavorare. 

Qualcuno nel commercio, altre in banca o negli uffici della pubblica amministrazione, altri ancora nel settore delle costruzioni o in qualche officina di riparazioni o, ancora, in attività di sartoria, nella sanità, ecc.

Qualcuno, dopo l’Università è tornato alla St Theresa ad insegnare,

Tuttavia, la necessità di contribuire allo sviluppo umano ed economico dell’area di Mahyoro ha posto il problema di ampliare ulteriormente la possibilità che un maggior numero di ragazzi e ragazze si avviassero a percorsi di istruzione e imboccassero poi le strade sicure di un lavoro dignitoso.

Quella zona, infatti, presenta alcune potenzialità di sviluppo economico di grande interesse.

L’agricoltura può essere favorita: terreni fertili, abbondanza di acqua (piogge periodiche e un sistema di laghi come importante riserva d’acqua). A parte le grandi multinazionali del cotone, del caffè e del the, il problema è l’arretratezza nell’organizzazione dell’attività agricola, caratterizzata da una maglia poderale molto piccola e da una produzione di sussistenza, per l’autoconsumo, con la conseguente povertà, sia di macchine agricole, che di tecniche di coltivazione.

Il turismo è un’altra potenziale risorsa di sviluppo che già sta manifestandosi: un turismo sostenibile sotto il profilo ambientale che ha bisogno di caratterizzarsi in termini di sostenibilità anche umana.

Lo sviluppo della rete stradale e, più in generale, della mobilità, assieme ad un espandersi dei commerci inizia a far decollare una interessante rete di officine meccaniche che diversificano anche su altri versanti le proprie competenze.

Sono direttrici di sviluppo dell’area che richiedono in misura crescente competenze specifiche. E’ proprio di una scuola professionale, qual è la St Theresa Vocational School, fornire le risposte giuste e, con queste, l’opportunità di lavori dignitosi e solidi.

Continua…

Scritto da Giuseppe Bruni


Scopri di più sul progetto

Nel settembre 2019 si è dato avvio all’iniziativa “AIUTIAMOLI A CASA LORO: UN VERO AIUTO”. Una serie di progetti realizzati da RENA Uganda Foundation in collaborazione con la nostra Associazione I Borghi di Via Gesso, per dare possibilità di sviluppo alla popolazione della regione ugandese degli Rwenzori.

I progetti ai quali partecipiamo sono:

  • Sostegno a distanza e donazioni
  • Raccolta di materiale tecnologico per la St. Theresa Vocational Secondary School – Mahyoro
  • Formazione e condivisione del sapere organizzando tirocini formativi

(per l’approfondimento dei vari progetti ti invitiamo a visitare il sito: https://www.iborghidiviagesso.it/aiutiamoli-a-casa-loro-un-aiuto-vero/)

La pandemia provocata dal COVID-19 ha ulteriormente aggravato la situazione di queste popolazioni, il contributo di ciascuno ci permetterebbe di portare avanti i progetti.

  • Per sostegno a distanza di un bambino e raccolta materiale tecnologico contattare: adozioni@iborghidiviagesso.it
  • Per donazioni si può effettuare bonifico con causale “AIUTIAMOLI A CASA LORO: UN VERO AIUTO” su conto bancario intestato: 
    I Borghi di Via Gesso
    c/o Intesa San Paolo
    IBAN IT34W0306909606100000166989

(tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili o detraibili) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − due =

Rating*