Aiutarli a casa loro

Stiamo per raccontare una storia che apparentemente è l’opposto dello slogan “aiutarli a casa loro”. Apparentemente.

“Molti di loro non andranno all’Università, diceva P. Fred, ma tutti, ragazze e ragazzi, devono uscire dalla scuola sapendo fare un lavoro”.

È iniziato qui un lungo lavoro di consultazione con ragazzi, genitori e autorità locali per capire quali mestieri avrebbero potuto affermarsi e quindi quali mestieri avrebbero potuto dare maggiore sicurezza di lavoro ai ragazzi che, usciti dalla scuola superiore, non fossero andati all’università.

Almeno due mestieri pratici, si decise. 

L’informatica va da sé, seppur con i pochissimi computer disponibili e pure un po’ vecchiotti.

Tutti dovevano saper metterci mano, capire e praticare almeno i programmi di maggior uso prevedibile (testi, fogli di calcolo, internet, posta elettronica e poco più). 

Per internet e la posta elettronica la cosa non era facile perché le connessioni erano molto ballerine e lente. Ma intanto si cominciò. 

Qualche computer arrivò anche dall’Italia, pochi e anche questi un po’ datati, ma funzionanti.

Ne servirebbero ancora, …. Se qualcuno fra color oche ci leggono ne vuol cedere uno, può portarlo alla sede dell’Associazione i Borghi di via Gesso. 

I mestieri da imparare si decise fossero: la sartoria, la ristorazione (gestione sala e cucina), la meccanica, l’edilizia, l’agricoltura.

Si è cominciato con la sartoria, alcune insegnati di varie materie già erano già bravissime a farsi i loro vestiti e si sono rese disponibili ad insegnare a chi sceglieva quel mestiere, ragazzi e ragazze, lanciatissime queste ultime nella sfida di cogliere l’eredità della famosa stilista afro, Oumou Sy.

Per l’insegnamento delle tecniche edili si sono resi disponibili alcuni capi mastri ugandesi che già avevano lavorato per Rena Uganda.

Ma quanto all’insegnamento della meccanica, in Uganda sarebbe stato un problema. Allora abbiamo deciso di iniziare portando due giovani insegnanti della St. Theresa VSS in Italia! Naturalmente per poi “aiutarli a casa loro”.

Vi ha provveduto Atlas Solidarity, una Onlus bolognese (cui  l’Associazione I Borghi di via Gesso è associata) che ha organizzato e fatto venire in Italia due giovani docenti della St. Theresa VSS: Elizeus Mucunguzi e Nicholas Agaba per tre mesi fornendo loro, in collaborazione con Cefal, l’ospitalità e un corso di formazione all’insegnamento della meccanica. 

Eccoli appena giunti a Bologna, accolti dal Presidente e dalla Vicepresidente di Atlas Solidarity e subito al lavoro.

E siccome la meccanica è difficile da insegnare senza attrezzature adeguate, Atlas Solidarity ha raccolto l’attrezzatura necessaria e gliel’ha inviata. 

Qui sotto il container arrivato in Uganda, alla St. Theresa VSS, e ricevuto con grande solennità. Davanti al container, nella foto di destra, uno dei docenti di meccanica che hanno studiato a Bologna, Nicholas Agaba.

L’aiuto della CEI – Conferenza Episcopale Italiana è stato essenziale perchè con i fondi dell’8×1.000 ha consentito la costruzione dell’aula di meccanica (un piccolo capannoncino di 325 mq) nella quale ora sono in via di collocazione fresatrice, tornio, saldatrice, mola circolare, compressore, sega alternativa, trapano verticale e vari altri utensili e attrezzature.

Gli ultimi ritocchi alla nuova aula di meccanica (febbraio 2021)

La concretezza di “aiutarli a casa loro”, ma con un aiuto vero, formando i formatori e aiutandoli con le attrezzature che poi useranno nell’insegnamento e, in seguito, nella messa in pratica del loro mestiere di esperti di meccanica.

Continua…..

Scritto da Giuseppe Bruni


Scopri di più sul progetto

Nel settembre 2019 si è dato avvio all’iniziativa “AIUTIAMOLI A CASA LORO: UN VERO AIUTO”. Una serie di progetti realizzati da RENA Uganda Foundation in collaborazione con la nostra Associazione I Borghi di Via Gesso, per dare possibilità di sviluppo alla popolazione della regione ugandese degli Rwenzori.

I progetti ai quali partecipiamo sono:

  • Sostegno a distanza e donazioni
  • Raccolta di materiale tecnologico per la St. Theresa Vocational Secondary School – Mahyoro
  • Formazione e condivisione del sapere organizzando tirocini formativi

(per l’approfondimento dei vari progetti ti invitiamo a visitare il sito: https://www.iborghidiviagesso.it/aiutiamoli-a-casa-loro-un-aiuto-vero/)

La pandemia provocata dal COVID-19 ha ulteriormente aggravato la situazione di queste popolazioni, il contributo di ciascuno ci permetterebbe di portare avanti i progetti.

  • Per sostegno a distanza di un bambino e raccolta materiale tecnologico contattare: adozioni@iborghidiviagesso.it
  • Per donazioni si può effettuare bonifico con causale “AIUTIAMOLI A CASA LORO: UN VERO AIUTO” su conto bancario intestato: 
    I Borghi di Via Gesso
    c/o Intesa San Paolo
    IBAN IT34W0306909606100000166989

(tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili o detraibili) 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 5 =

Rating*