Rumex crispus L.

 

  • NOME COMUNE: Rómice crespo;
  • ALTRI NOMI: Romice crespo, Lapazio;
  • NOME DIALETTALE: romʃa;
  • CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA: DIVISIONE:  Angiospermae; CLASSE: Eucotiledoni; ORDINE: Caryophyllales; FAMIGLIA: Polygonaceae; GENERE: Rumex; SPECIE: R. crispus
  • DESCRIZIONE: CICLO VEGETATIVO: perenne; Pianta erbacea:  Spontanea;  Infestante;  Pianta commestibile;  Pianta officinale;  ALTEZZA: < 120cm; FOGLIE: basali con lamina oblungo-lanceolata, ondulata con margine crespo; le superiori alterne, ovali e appuntite; FRUTTI: diclesi peduncolati, cuoriformi; COLORE DEI FIORI: da verde a bruno-arancio; PERIODO FIORITURA: tra Maggio e Luglio;
  • DOVE TROVARLA: ALTITUDINE (m. slm): < 1500; HABITAT: coltivi; frutteti; incolti; terreni umidi e argillosi;  margini delle strade; prati; ruderi; vigneti;
  • LUOGHI IN CUI TROVARLA:  Sentiero sul Lavino; Giardino Campagna; Ponte Ronca; Via G. Leopardi; Via Valle;

ETIMOLOGIA:

  • NOME GENERICO: L. rumex = asta, lancia;
  • NOME SPECIFICO: Indica la caratteristica increspatura delle foglie;

BOTANICI E SIGLE: Savi - Gaetano Savi (1769–1844);

GLOSSARIO BOTANICO: Foglie Basali:  quella disposta alla base della pianta; contrariamente le foglie lungo il fusto si dicono cauline. Lanceolata: dicesi della forma della lamina di una foglia allungata che è simile al profilo di una lancia, con la parte più stretta in alto, tre volte più lunga che larga. Diclesio: frutto semplice con pericarpo secco o carnoso ricoperto almeno in parte dal perianzio accresciuto.