Morus alba L.

 

  • NOME COMUNE: Gelso comune;
  • ALTRI NOMI: Gelso bianco, Moro bianco;
  • NOME DIALETTALE: måur;
  • CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA: DIVISIONE: Angiospermae; CLASSE: Eucotiledoni; ORDINE: Rosales; FAMIGLIA: Moraceae; GENERE: Morus; SPECIE: M. alba;
  • DESCRIZIONE: CICLO VEGETATIVO: perenne; Pianta Arborea:  Albero; Spontanea;  Coltivata;  Forestale;  Pianta commestibile;  Pianta officinale;  ALTEZZA: < 10 m; FOGLIE: alterne, glabre, lucide; FRUTTI: sorosi o more di gelso, formati da drupe carnose contenenti un seme;  COLORE DEI FIORI: bianco; PERIODO FIORITURA: tra Aprile e Maggio;
  • DOVE TROVARLA: ALTITUDINE (m. slm): < 700; HABITAT: suoli freschi; terreni abbandonati ed incolti;
  • LUOGHI IN CUI TROVARLA:  Sentiero sul Lavino; Ponte Ronca; Via G. Leopardi; Via Valle;

ETIMOLOGIA:

  • NOME GENERICO: riferimento al colore scuro dei frutti; G: "moron", divenuto in latino "morus";

BOTANICI E SIGLE: L. - Linneo (Carl Nilsson Linnaeus, Carolus Linnaeus, Carl von Linné) (1707-1778);

GLOSSARIO BOTANICO: Sorosi: un'infruttescenza che rientra nella categoria dei falsi frutti, essendo originata dall'unione di più frutti veri.