Dipsacus fullonum L.

 

  • NOME COMUNE: Scardaccione selvatico;
  • ALTRI NOMI: Cardo dei lanaioli selvatico, Cardo, Pettini di lupo, Rissolo, Cima dei pastori, Lattugone;
  • NOME DIALETTALE: sgærƺ;
  • CLASSIFICAZIONE SCIENTIFICA: DIVISIONE: Angiospermae ; CLASSE: Eucotiledoni; ORDINE: Dipsacales; FAMIGLIA: Caprifoliaceae; GENERE: Dipsacus; SPECIE: D. fullonum;
  • DESCRIZIONE: CICLO VEGETATIVO: biennale; Pianta erbacea:  Spontanea;  Infestante;  Pianta officinale;  ALTEZZA: < 5  m; FOGLIE: basali in rosetta e spinose, le cauline opposte, lanceolate larghe e spinose; FRUTTI: piccoli acheni allungati;  COLORE DEI FIORI: malva; PERIODO FIORITURA: tra Giugno e Agosto;
  • DOVE TROVARLA:  ALTITUDINE (m. slm): < 1200; HABITAT: lungo i sentieri; pietraie; prati stabili rupi; scarpate;
  • LUOGHI IN CUI TROVARLA:  Sentiero sul Lavino; Ponte Ronca; Via G. Leopardi; Via Valle;

ETIMOLOGIA:

  • NOME GENERICO: I fiori che hanno un solo petalo; Gr: dípsa= sete;
  • NOME SPECIFICO: riferimento all'infiorescenza, il luogo dove nel medioevo si effettuava il finissaggio delle stoffe, "fullonica";0;

BOTANICI E SIGLE: L. - Linneo (Carl Nilsson Linnaeus, Carolus Linnaeus, Carl von Linné) (1707-1778);

GLOSSARIO STORICO-GEOGRAFICO: Fullonica: nell'antichità, presso i romani, il fullo  era colui che lavava i tessuti;

GLOSSARIO BOTANICO: Infiorescenza: Particolare disposizione ravvicinata di un numero variabile di fiori sull’asse fiorale, qualche volta separati solo da brattee. Foglie Basali:  quella disposta alla base della pianta; contrariamente le foglie lungo il fusto si dicono cauline. Lanceolata: dicesi della forma della lamina di una foglia allungata che è simile al profilo di una lancia, con la parte più stretta in alto, tre volte più lunga che larga. Achenio: frutto secco, indeiscente, derivante da un ovario supero monocarpellare, con parete coriacea, aderente all'unico seme, ma non saldata.